Cos’è il trading online? Le 10 cose che devi assolutamente sapere per diventare un trader di successo

Cos’è il trading online?

Il trading è la compravendita sul breve termine di strumenti finanziari via web

iniziamoQuesta è  una definizione “moderna” di trading, visto che il web è un’invenzione relativamente recente.

Tuttavia, ormai il trading è talmente tanto svolto in modo telematico che possiamo includere il “via web” nella definizione stessa.

Dalla definizione capisci subito un’altra importante caratteristica del trading: il breve termine.

Il trading riguarda la compravendita di strumenti finanziari su un arco temporale di breve termine. Attenzione però, breve termine non vuol dire brevissimo termine!

Ti ho solo anticipato un paio dei tanti segreti che scoprirai sul trading in questo articolo. Che è un articolo perfetto da consultare se sei un neofita del trading e vuoi scoprire che cos’è il trading online e/o come imparare a fare trading nel modo più rapido possibile.

Continuando a leggere questo articolo avrai 2 benefici:

1) Scoprirai che cos’è il trading online e le prime 10 nozioni sul trading che devi subito apprendere.

2) Se vorrai, potrai inizierai un percorso di apprendimento più completo per capire fino in fondo che cos’è il trading online ma anche per passare alla pratica (per il momento senza soldi reali, quindi non preoccuparti di questo).

Sei pronto a iniziare il tuo percorso per capire che cos’è il trading online?

Bene, allora cominciamo!


Chi può fare trading?

che cos'è il trading onlineLa risposta è semplice: chiunque!

Possono fare trading online intermediari finanziari, cittadini privati, aziende…persino governi!

In generale, fa trading online chiunque acquisti (buy) o venda (sell) uno strumento finanziario attraverso una piattaforma online.

Naturalmente, l’operatività di un singolo trader privato è ben diversa da quella, per esempio, delle grandi banche di investimento. 

Attenzione: diversa non vuol dire che questo sia meno profittevole per il trader privato! Anzi…se leggi i dati che ti ho riportato nella home di Il Trading Per Te capirai ancora meglio perché.

Comunque, tutto questo era per farti capire che nei prossimi 10 punti ci concentreremo su che cos’è il trading online per i cittadini privati. Quindi non parleremo del trading svolto dalle grandi banche o istituzioni finanziare, che hanno bisogni, usano strumenti ed hanno anche limiti legali ben diversi dai trader privati.

Ma ora basta premesse!

Iniziamo ad esplorare i 10 punti che ti riveleranno tutto ciò che devi sapere sul mondo del trading online dei cittadini privati. Sono sicuro che al termine di questo articolo avrai ben chiaro che cos’è il trading online.


1) Esistono vari “stili” di trading molto diversi tra loro

Non esiste un solo stile di trading! Singoli trader possono operare con stili di trading totalmente diversi tra loro. In particolare, le differenze tra i vari stili di trading dipendono dalle seguenti 3 variabili:

bambino stiloso1) Tipologia di strumenti utilizzati: cash o derivati.

2) Asset tradati: forex, singole azioni, indici azionari, materie prime, criptovalute, etc.

3) Orizzonte temporale (ovvero la durata) delle trade. Però ricorda che il trading è sempre di breve periodo, quindi se tieni investiti i tuoi soldi su un asset finanziario per 1 o più anni è più corretto definire questo stile “investimento” più che trading.

Detto questo, la durata delle trade può essere ben diversa a seconda dello stile del singolo trader: mesi, settimane, giorni o persino secondi.

Bene, ora che sai quanto diverso possa essere uno stile di trading da un altro, è arrivato il momento di dirti che Il Trading Per Te parla di trading seguendo delle scelte di stile ben precise.

Ho fatto tali scelte in riferimento sia a questo corso sul trading che in generale a tutte le altre risorse che puoi consultare nel sito.

Ciò significa che oggetto del corso saranno strumenti, asset e anche orizzonti temporali ben precisi e che definiremo tra poco. Ho fatto queste scelte sia perché penso che lo stile di trading trattato possa darti maggiore possibilità di diventare un trader di successo sia perché, chiaramente, è lo stile che uso anch’io.

Se non lo sai ancora, questo è un articolo/lezione di un corso online di trading fatto di diverse lezioni. Questa è la lezioni 1, quindi sei proprio nel punto giusto per iniziare!


2) Gli strumenti più adatti per il trading moderno sono CFD e opzioni binarie

La prima variabile che andiamo a definire è “strumento finanziario”. Il Trading Per Te si concentra su 2 strumenti finanziari derivati che sono i più adatti per il trading moderno:

CFD (Contract For Difference o Contratti Per Differenza)

Opzioni binarie (o Call or Put Binary Options)

Tra l’altro, CFD e opzioni binarie sono strumenti totalmente “nuovi”!

Facciamo un passo indietro. Era il 1999 quanto la CONSOB (Commissione Nazionale per le Società e la Borsa), l’organo designato alla tutela ed al controllo dei mercati finanziari in Italia, emanò il regolamento attuativo del Testo Unico della Finanza (TUF, detto anche legge Draghi). Il TUF, tra le altre cose, rendeva possibile il trading online ai cittadini privati.

Dunque, il trading disponibile ai cittadini privati nasce nel 1999, non tanti anni fa. Ma non è tutto. Un trader privato italiano, all’inizio degli anni 2000, poteva certamente fare trading su strumenti finanziari “classici” come un’azione o un’obbligazione.

Ma non poteva tradare CFD e opzioni binarie, ovvero i 2 strumenti finanziari derivati che, negli anni successivi, nacquero apposta per favorire lo sviluppo del “trading dei privati”.

Se non sai cos’è un derivato:

Un derivato è uno strumento finanziario il cui prezzo si basa sul valore di un altro strumento finanziario, definito “sottostante”

Un sottostante può essere, per esempio, un’azione. Ci arriveremo…

Tornando a noi, gli strumenti finanziari derivati che all’alba del nuovo millennio hanno stravolto il mondo del trading online dei privati sono quindi CFD e opzioni binarie.

cfd e opzioni binarie

I CFD, benché nati a fine anni ‘90, trovarono diffusione nei mercati europei con formule realmente vantaggiose e utili per i trader privati non prima del 2006-2007.

Per quanto riguarda le opzioni binarie, il loro arrivo è ancor più tardivo, poiché si sono diffusi in Europa solo nel 2010-2011.

Sono solo pochissimi anni fa! Cosa significa tutto ciò? Significa che il mondo del trading online per i cittadini privati è più vergine di quel che tu possa pensare!

E’ dunque normale che tu e molta altra gente non sappiate che cos’è il trading online…è un’attività quasi del tutto nuova, almeno per i privati e almeno su strumenti derivati di fatto “nuovi” .

Ti dirò un segreto:

Il mondo del trading online moderno è troppo nuovo per poter essere già saturo e/o totalmente sfruttato. Guarda la formazione online sul trading: fa schifo! Ho scelto di creare questo sito di formazione e informazione sul trading proprio perché ho sempre fatto fatica a trovare online del materiale di formazione di qualità. E forse manca della formazione di qualità anche perché è un mondo troppo nuovo, almeno nei termine del trading “moderno”.

Quindi io, tu, chiunque può avere successo, saltare nella nuova era del trading online e riuscire a guadagnare sui mercati in modo autonomo. E liberarsi dei professionisti del risparmio gestito e dal loro mondo fatto di commissioni infinite e rendimenti promessi ma mai rispettati. Cosa che dovresti fare, dai un’occhiata alla home del sito per capire meglio il perché.

CFD e opzioni binarie hanno permesso a tutti di poter operare su una vasta gamma di asset, comodamente da casa. Immagina che opportunità hai davanti a te: un’attività nuova, usando strumenti finanziari derivati nuovi, per gestire i tuoi soldi in modo autonomo e creare delle fantastiche rendite finanziarie nel lungo periodo.


3) Trading di breve termine VS Investimento di lungo termine

ferrari

“Giovanni, penso di aver intuito che cos’è il trading online! E’ come fare investimenti…”

Non proprio! Ti faccio un esempio.

Pensi che, attualmente, il prezzo di mercato delle azioni Ferrari sia sottovalutato. Hai valutato il bilancio dell’azienda, hai valutato il settore delle automobili a livello europeo e mondiale, hai valutato il management di Ferrari, i suoi investimenti, ed hai anche stimato le redditività futura di tali investimenti.

Sulla base di queste (e molte altre) analisi, hai capito che il prezzo di un’azione Ferrari è decisamente sottovalutato. Così la compri, e decidi di tenerla per qualche anno poiché stimi che il valore possa tornare ad essere “giusto” in un periodo temporale di lungo termine.

Sei un investitore o un trader? Se hai risposto trader, hai sbagliato alla grande!

Ci sono molti elementi che differenziano il trading di breve termine con gli investimenti di lungo termine. Quindi le domande “che cos’è il trading online” e “che cos’è l’investimento” portano a 2 risposte ben diverse. Vediamo le 3 differenze principali tra trading e investimento.

A) L’orizzonte temporale

orizzonte temporaleLa  durata delle operazioni di un trader è “breve termine”.

Ma cosa significa breve termine?

Alcuni trader arrivano a fare “scalping”, ovvero aprire e chiudere le loro posizioni nel giro di pochi minuti o persino secondi. 

Altri fanno “daytrading”, ovvero aprono e chiudono le loro posizioni nell’arco della stessa giornata.

Personalmente reputo sia lo scalping che il daytrading 2 stili abbastanza difficili per riuscire ad essere profittevoli con costanza, almeno sui CFD.

Ci sono trader che riescono a far soldi sui CFD con scalping e daytrading, ma è indubbio che essi sono stili di trading più “difficili” del trading multi-day. Se non credi a me, dai un’occhiata a questo articolo intitolato “Una vita da scalper” di Il Sole 24 Ore.

Il Trading Per Te si concentra sul trading CFD multi-day, quindi con trade che durano più giorni. Infatti dal mio punto di vista il metodo di trading più corretto per guadagnare con costanza con i CFD è avere posizioni che durino da un minimo di 2-3 giorni fino ad un massimo di 2-3 mesi. Questo per i CFD.

Riguardo le opzioni binarie, anche in questo caso ti consiglio vivamente di non fare scalping. Il daytrading sulle opzioni binarie, invece, è sicuramente più sensato (o più facile) rispetto a quello sui CFD. Quindi potresti riuscire a essere profittevole sulle opzioni binarie con il daytrading.

Abbiamo appena visto gli stili di scalping, daytrading e multi-day trading. Per completezza, ti segnalo che c’è un quarto stile di trading che sta diventando sempre più popolare: il trading automatico.

Personalmente io non pratico il trading automatico, ma qualora tu scelga di farlo ti raccomando di usare sempre un Virtual Private Server. Che altro non è che una tecnologia che permette al nostro computer e alla nostra piattaforma di trading di elaborare i dati 24 ore su 24 in totale sicurezza, senza il bisogno fisico di tenere il computer accesso. Ad oggi, il Forex VPS migliore in Italia è HostingStak.

Tornando al trading classico, posso già anticiparti che dovresti far in modo che i CFD siano lo strumento principale della tua strategia di trading, mentre le opzioni binarie dovrebbero entrare nella tua strategia in modo complementare. Capirai più avanti nel corso il perché.

Comunque, parleremo molto più nello specifico di CFD e opzioni binarie già nei prossimi 2 articoli di questo corso. Ora cerca solo di seguire il nostro discorso su che cos’è il trading online. Torniamo alle differenze tra trading e investimenti.

Per quanto riguarda gli investimenti, l’orizzonte temporale è sempre il lungo termine. E per lungo termine intendo almeno 1 anno, anche se gli investimenti “puri” durano diversi anni. Quindi un vero investitore compra alcuni strumenti finanziari per avere dei guadagni dopo diversi anni.

Andiamo avanti, ecco la differenza numero 2.

B) Gli strumenti finanziari utilizzati: “classici” VS “moderni”

bentley

Gli investitori, per la creazione del loro portafoglio di lungo termine, utilizzano di norma strumenti finanziari più “classici” quali azioni, obbligazioni, ETF, etc. Tali strumenti si adattano infatti molto meglio ad un portafoglio di investimento classico da mantenere nel lungo termine.

I trader privati possono invece usufruire dei vantaggi dei CFD e delle opzioni binarie per speculare su operazioni di breve termine. Breve termine inteso come operazioni che durano alcuni giorni o settimane, fino ad un massimo di 2-3 mesi (no scalping, ricordi?).

Nell’ottica di breve termine, dunque, CFD e opzioni binarie sono molto più funzionali rispetto agli strumenti finanziari “classici”. Vedremo nel dettaglio perché già nei prossimi 2 articoli di questo corso completo sul trading dedicati a CFD e opzioni binarie.

C) Le analisi da condurre

lente analisiLe  analisi da condurre per fare trading con successo sono sostanzialmente 2: analisi tecnica ed analisi fondamentale.

Troverai spiegato in dettaglio cosa sono analisi tecnica e analisi fondamentale negli articoli a loro dedicati.

Ti anticipo che molti degli articoli di questo corso ti guideranno passo dopo passo per arrivare a padroneggiare queste 2 diverse analisi, che tanto sono importanti per imparare a fare trading con successo.

Per quanto riguarda gli investimenti, ci sono molte altre analisi da fare in più.

Per esempio quelle citate sopra nel caso di acquisto di un’azione Ferrari (bilancio aziendale, valutazione investimenti, etc.). Stai comprando una parte dell’azienda, non stai cercando di capire dove andrà il suo prezzo nel breve termine. Ciò implica che devi veramente capire il valore intrinseco di ciò che compri. Ciò invece non è affatto necessario se fai trading!

Tutto questo ti fa capire che fare investimento vuol dire che devi aspettare più tempo, avere un’ottica di più lungo periodo, fare più analisi, e pensare in modo sostanzialmente diverso dal trading. Hai capito perché domandare che cos’è il trading online e che cos’è l’investimento danno vita a due risposte diverse? Ti ripeto:

Trading di breve termine e investimento di lungo termine sono 2 attività completamente diverse!

Meglio che ciò ti sia chiaro fin da subito! Un buon esempio di trade è il seguente:

“Dopo aver analizzato sia dal punto di visto tecnico che fondamentale un CFD con sottostante il cambio EUR/USD, decidi di aprire una posizione long su di esso (ovvero al rialzo, speri quindi che il cambio salga). Dopo 3 settimane, vedi che il cross ha raggiunto il target di prezzo al rialzo che ti eri prefissato, e chiudi la posizione con un profitto”

Questo è un esempio super semplice, ma per il momento basta per farti capire la differenza tra che cos’è il trading online e che cos’è l’investimento.


4) CFD e opzioni binarie sono strumenti ben diversi tra loro

Come ti ho detto prima, nell’articolo dedicato ai CFD ed in quello dedicato alle opzioni binarie troverai spiegate nel dettaglio le potenzialità di questi 2 strumenti moderni di trading.

La cosa importante da sottolineare ora, però, è che CFD e opzioni binarie sono strumenti ben diversi tra loro. Mi spiego meglio.

Le competenze da assimilare e le esperienze da compiere per diventare un trader CFD o un trader binario di successo sono simili. La grammatica è la stessa. Ma le strategie, gli orizzonti temporali, e il modo di operare in generale sono totalmente diversi.

Nulla ti vieta, poi, di operare su entrambi gli strumenti (io stesso lo faccio). Ma il modo di operare, benché con basi simili, è decisamente diverso. Tieni a mente questo quando inizierai a lavorare su di essi.

Inoltre, come imparerai nei prossimi articoli, un vero trader deve innanzitutto guadagnare con i CFD. Le opzioni binarie sono, spesso, un eccezionale “plus” per avere degli extra guadagni, ma un strategia di lungo termine per guadagnare con il trading non può prescindere dai CFD. Che rimane lo strumento re del trading moderno.

Capirai più profondamente questa riflessione nei prossimi 2 articoli…ora proseguiamo!


5) Forex, azioni, indici o materie prime: quali sottostanti uso?

I vari broker offrono la possibilità di operare su CFD e opzioni binarie connessi a quasi tutti i tipi di sottostante possibili.

Puoi trovare CFD e opzioni binarie aventi come sottostante singole azioni, cross del forex, indici di mercato, materie prime, metalli preziosi, ed altro ancora.

Tuttavia, lascia che ti suggerisca quali sono, a mio avviso, i 3 sottostanti che si adattano meglio al trading sui CFD e sulle opzioni binarie.

A) Forex

Il Forex (Foreign Exchange Market, o mercato valutario) è il mercato dei cross valutari, in cui una valuta viene scambiata con un’altra valuta. 

forexPer esempio, se “compri” il cross EUR/USD vuol dire che stai scambiando euro e dollari, o meglio stai comprando euro e contemporaneamente vendendo dollari.

In altre parole, credi che in futuro l’euro si apprezzi mentre il dollaro si deprezzi (o che l’euro si apprezzi più del dollaro) così da guadagnare da questi movimenti valutari. 

Il forex è di gran lunga il miglior mercato al mondo su cui operare per un trader privato attraverso sia CFD che opzioni binarie. E’ l’essenza di che cos’è il trading online!

Le ragioni sono molteplici:

  • E’ il mercato con il maggior numero di transazioni al mondo, quindi è il più liquido.
  • E’ impossibile da manipolare proprio per le sua enorme liquidità e per il gran numero di operatori che vi ci operano.
  • I broker offrono spesso condizioni molto vantaggiose per operare sul forex, più vantaggiose rispetto a quelle di altri tipi di sottostante.
  • Soprattutto, è il mercato che si adatta meglio sia all’analisi tecnica che all’analisi fondamentale.

B) Materie prime e metalli preziosi

oro e petrolio

Operare su materie prime e metalli preziosi è sia profittevole che utile.

Profittevole perché anch’essi si adattano molto bene all’analisi tecnica e all’analisi fondamentale.

Utile perché le analisi su alcuni di questi asset (soprattutto petrolio e oro) sono propedeutiche per completare le analisi fondamentali di moltissimi cross valutari.

Nella pagina proiezioni di borsa settimanali trovi le mie analisi fondamentali settimanali sui 18 asset più comuni per fare trading. E lì oro e petrolio sono analizzati per prima, perché il loro andamento influenza l’andamento di tutti gli altri 16 asset analizzati. 

C) Indici di mercato

indice usaVale lo stesso discorso fatto per le materie prime e per i metalli preziosi. 

Gli indici azionari sono ottimi asset su cui operare perché si prestano molto bene sia all’analisi tecnica che all’analisi fondamentale. 

Inoltre, capire l’andamento degli indici di mercato relativi ad un certo paese è propedeutico per capire l’andamento dei cross valutari connessi a tale Paese. 

In breve, posso dirti che analizzare:

– Gli indici di mercato dei paesi più industrializzati

– I cross valutari più importanti

– Oro e petrolio…

…ti permetterà di comprendere un “quadro economico d’insieme” sui mercati globali, almeno per quanto riguarda le economie più industrializzate.

Ti ricordo inoltre che trovi i 18 asset più importanti appartenenti a queste categorie, già analizzati e solo da consultare, nella pagina proiezioni di borsa settimanali. Tali analisi sono aggiornate ogni settimana.

Ci torneremo. Ora torniamo a cose più di base.

Perché non opero su CFD e opzioni binarie con sottostante singole azioni?

Ci sono tanti trader privati che operano su CFD e opzioni binarie con sottostante le singole azioni. Io non sono tra questi.

Non considero le singole azioni degli asset ottimali per fare trading con CFD e opzioni binarie, per 2 semplici motivi:

A) Il primo motivo è che sulle azioni è più sensato agire secondo logiche di lungo termine rispetto a quelle di breve. Le azioni sono più di tutti gli asset che andrebbero comprati perché si crede nel valore intrinseco dell’azienda, non per oscillazioni di prezzo di breve periodo. Che per le azioni sono difficilissime da prevedere, più difficili che per gli altri asset.

Insomma, sulle azioni funziona molto meglio l’analisi del value investing, ovvero l’analisi che punta a capire il reale valore di un asset (ricordi l’esempio di prima su Ferrari?). Ma il value investing è difficilissimo da fare per il breve/medio termine. Il value investing si adatta  molto meglio al lungo termine, dunque all’investimento.

B) Il secondo motivo è che benché l’analisi tecnica valga anche per le singole azioni (o anche per le obbligazioni), questi asset sono decisamente meno tecnici rispetto a forex, indici e commodities. Ciò perché sono meno liquidi e meno volatili. E’ chiaro: una singola azione, per quanto importante, sarà sempre meno tradata rispetto a un cross del forex o a un’indice. E quindi sarà meno volatile, e di conseguenza sarà meno “tecnica” e meno adatta per il trading di breve termine.

In generale, asset come azioni e obbligazioni sono molto più adatti agli investitori, e quindi alla creazione di portafogli da tenere nel lungo termine.

D’altronde, per il tuo trading puoi già scegliere tra i cross del forex, le materie prime, i metalli preziosi e gli indici di mercato. Hai già a disposizione tantissimi asset su cui operare. Accontentati!


Breve sintesi di quanto visto fin ora con un video

Come va? Non ti starai mia annoiando vero?

Nel caso ti sveglio io con questo breve video su che cos’è il trading online prodotto da IG Italia. Non ti consiglio assolutamente di scegliere IG come tuo broker, ma questo video non è male.

Andiamo a sintetizzare i punti più importanti di questo video ed a ripassare lo stile di trading su cui si concentra Il Trading Per Te:

– Il trading è la compravendita di strumenti finanziari

– Gli strumenti su cui operare possono essere strumenti cash (azioni, obbligazioni, etc.) o derivati (CFD, etc.) > Il Trading Per Te si concentra su 2 strumenti derivati: CFD e opzioni binarie (che sono scambiati over the counter)

– Trader diversi operano su asset diversi > Il Trading Per Te si concentra su forex, indici di mercato, materie prime e metalli preziosi

– Trader diversi operano su orizzonti temporali diversi > Il Trading Per Te si concentra su trade di breve termine ma non su quelle di brevissimo termine.


Pausa! 

Siamo arrivati più o meno a metà di questo articolo sulle 10 cose che devi assolutamente sapere per capire che cos’è il trading online. Ti sta piacendo? Lo trovi utile? E’ uno dei migliori articoli su che cos’è il trading online che hai trovato sul web? 

Be’, allora potresti dimostrarmi il tuo apprezzamento aggiungendo un bel like di Facebook a questo articolo! A te non costa niente, mentre per me conta veramente tanto. Basta che clicchi sul bottone qui sotto.

Grazie infinite! Ora proseguiamo.


6) Quanto posso guadagnare con il trading online?

uomo feliceDopo aver capito che cos’è il trading online, questa è sempre la domanda che viene in mente subito dopo.

Questo è l’interrogativo che tutti i neofiti del trading si chiedono non appena iniziano ad affacciarsi a questo mondo.

Quanto potrò guadagnare con il trading?

Ora, non c’è niente di male a farsi questa domanda. Tuttavia, ti consiglio di mantenere l’attenzione su “come accrescere le tue competenze” e su “come fare le trade giuste”. 

L’essere troppo focalizzato sul profitto da incassare non ti aiuterà, soprattutto all’inizio.

Posso comunque dirti che:

Un trader di successo è colui che guadagna minimo il 10% netto del proprio capitale l’anno

Dunque, se in un anno hai ottenuto una percentuale di rendimento sul capitale investito di almeno il 10% netto, puoi considerarti un trader di successo.

Ma questo solo dopo aver profondamente capito che cos’è il trading online, aver avuto la giusta formazione e fatto le giuste esperienze.

Non guadagnerei il 10%, 15% o 20% del tuo capitale in un anno senza aver investito del tempo nella tua formazione. 

All’inizio, per considerarti un trader di successo può bastare anche un solo e semplice obiettivo: non prenderle! (ovvero non perdere soldi)

Alla fine di questo articolo di dirò chiaramente quali dovrebbero essere i prossimi step da compiere per capire appieno che cos’è il trading online e come iniziare il tuo percorso di formazione.

Il Trading Per Te nasce proprio con l’obiettivo di aiutare le persone a formarsi con successo sul trading online.

Lascia che sia subito chiaro con te. Il trading non è, come molti imbroglioni del web vogliono farti credere, un modo di diventare ricco, magari partendo da un capitale di poche centinaia di euro. Al giorno d’oggi, il trading è un modo eccezionale per gestire i propri risparmi e per creare una rendita finanziaria.

E di conseguenza io non ti prometto rendimenti del 20% al mese o anche di più, cosa del tutto impossibile da ottenere non solo per la gente comune ma anche per i più grandi trader.

Mentre guadagnare in modo autonomo e senza le commissioni del risparmio gestito almeno il 10% (netto) del tuo capitale l’anno è un traguardo del tutto raggiungibile. Ovviamente se sei formato a dovere. E io sono qui per questo.


7) Cosa serve per fare trading online?

computer“Ok  Giovanni, ho capito che cos’è il trading online…ma cosa serve per fare trading?”

La risposta è semplice: non molto.

Un computer, una connessione internet, un capitale iniziale, e tante conoscenze e competenze.

Le prime 3 tocca a te procurartele, per le conoscenze e competenze ci penso io a guidarti e formarti.

Spero di essere all’altezza delle tue aspettative!

Può anche essere utile avere un secondo o anche un terzo monitor a cui collegare il computer per vedere più grafici contemporaneamente. Io lo trovo molto utile, ma non è essenziale averli.


8) Il tuo capitale è a rischio!

Il trading non è un gioco…il tuo capitale è a rischio. Sul serio.

pianta soldiNon è una frase tanto per dire. Il mondo è pieno di tantissime persone che vanno in giro a dire che il trading è una truffa. E sai perché?

Perché hanno iniziato a fare trading senza sapere quasi nulla a riguardo e…indovina, hanno perso gran parte del loro capitale o addirittura tutto il loro capitale!

Ciò può accadere anche (se non soprattutto) su CFD e opzioni binarie, se si fa trading come un pazzo. Quindi, un consiglio semplice: non buttarti subito su dei conti di trading reali. Prima formati a dovere, e poi passa all’azione.

Nel prossimi 2 punti vedremo le fasi che dovresti attraversare per diventare un trader di successo e cosa devi fare nella pratica per formarti.


 9) In quanto tempo posso diventare un trader di successo? Devi attraversare 4 fasi

Questa è proprio una bella domanda. Per rispondere con completezza, devo farti fare un viaggio dentro quelle che reputo le 4 fasi che devi attraversare per diventare un trader di successo.

Ogni fase ha una tempistica diversa. Vediamole.

Fase 1) Dimentica tutto quello che di sbagliato sai sul trading

Questa è sicuramente la fase più veloce. Già dopo aver letto questo articolo dovresti avere un’idea più precisa su che cos’è il trading online ed aver capito che molte cose che probabilmente avevi prima letto sul web erano incomplete o persino false.

Per completare questa fase, dovresti scarica e leggere il mio PDF “I 5 falsi miti sul trading”. Puoi ottenerlo gratis se ti iscrivi alla community nel form che trovi più avanti in questo stesso articolo.

Fase 2) Impara le basi del trading

In questa fase devi imparare le basi del trading, e quindi devi studiare tutti i concetti di money management, analisi tecnica, analisi fondamentale, ordini di trading, etc..

Ho implementato il corso completo sul trading appunto per permetterti di imparare le basi del trading nel minor tempo possibile. Questo corso è del tutto completo riguardo le basi del trading che devi apprendere.

Se ti iscrivi nel form che trovi più avanti riceverai delle email che ti “guideranno” dentro il corso e dentro le altre risorse del sito per permetterti di imparare queste basi del trading in soli 30 giorni. Quindi iscrivendoti potrai sfruttare al 100% il potenziale del corso!

In questa fase devi anche esercitarti su dei conti trading demo.

Fase 3) Assimila le basi del trading, esercitati con €1,000 e crea la tua strategia di trading

Questa è la fase più lunga, che può (anzi deve) durare anche molti mesi, fino ad un intero anno.

In questa fase da un lato assimili meglio ciò che hai imparato nella fase 2. Dall’altro cominci a creare e soprattutto a testare la tua strategia di trading su dei conti reali.

apprendimento richiede tempoIn questa fase devi esercitarti e fare esperienza con un capitale reale ma basso. Personalmente, ritengo che soli €1,000 vadano bene in questa fase. Non depositare di più!

Esercitarti con un capitale modesto ma non insignificante in questa fase è infatti fondamentale. Non per le somme che vai a guadagnare o a perdere, ma per capire le “sensazioni” del trading con soldi veri e soprattutto per mettere a punto la tua personale strategia vincente.

Qui devi concentrati sulle tue performance percentuali, non certo su quanti soldi guadagni o perdi. Una volta che le tue performance sono buone per qualche mese di fila ed hai messo a punto la tua strategia di trading, puoi passare alla fase 4.

Fase 4) Investi i tuoi risparmi ed inizi a “fare sul serio”

Bene, dopo mesi di esercitazione con soli €1,000, se le cose vanno bene e se hai messo a punto la tua strategia di trading, puoi e devi iniziare a fare sul serio. Quindi depositi i tuoi risparmi ed inizi a farli lievitare nel tempo, e metti le basi per creare una rendita finanziaria.

Quando guadagnerai almeno il 10% netto del tuo capitale all’anno allora auguri…sei diventato un trader di successo!


10) Dove trovo le competenze per diventare un trader di successo?

Ok, quest’ultimo punto l’ho tenuto per auto-pubblicizzarmi!

Le competenze te le offro io qui su Il Trading Per Te, gratuite, semplificate e complete, con l’obiettivo di insegnarti le basi del trading e farti diventare un trader di successo nel minor tempo possibile.

il trading per te copertina a

Dopo aver capito che cos’è il trading online, ora ti invito a passare all’azione per comprendere fino in fondo il trading ed iniziare il tuo percorso di formazione!

In particolare ora puoi:

1) Completare la fase 1 scaricando e leggendo il PDF omaggio “I 5 falsi miti sul trading”. Lo puoi ottenere subito e gratis se ti iscrivi dal seguente form.

2) Iniziare la fase 2, passando ora a consultare l’articolo 2 del corso completo sul trading su che cosa sono i CFD.

3) Sfruttare al 100% il potenziale del corso iscrivendoti dal seguente form!

 Scarica gratis il PDF “I 5 falsi miti sul trading”

 Impara le basi del trading in 30 giorni

La tua privacy è al sicuro e non invio spam, lo odio quanto te

Puoi cancellare l’iscrizione quando vuoi, cliccando nell’apposito link alla fine di ogni email

I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003. Leggi la Privacy Policy


Conclusioni: ora sai che cos’è il trading online e sai come passare all’azione

Siamo giunti alla fine di questo articolo su che cos’è il trading online. Spero ti sia piaciuto. Questo articolo dovrebbe averti arricchito in 3 modi:

1) Hai scoperto che cos’è il trading online.

2) Hai scoperto le 10 cose che devi assolutamente sapere per diventare un trader di successo.

3) Sai come passare all’azione! Iscriviti dal form di sopra, leggi il PDF sui 5 falsi miti sul trading, e poi inizia la fase 2 per imparare le basi del trading in soli 30 giorni. Le email che riceverai ti guideranno. Se proprio non vuoi iscriverti, puoi passare comunque all’azione leggendo l’articolo 2 di questo corso.

Ti lascio con una riflessione finale:

“E’ la continuità dei risultati a fare di te un trader di successo, non la singola trade vincente”

continuityCome ti ho detto prima, un trader di successo è colui che ottiene un rendimento annuale minimo del 10% netto sul proprio capitale. 

Però senza fare eccezioni sul suo money management! (ovvero, senza prendere rischi del tutto folli su una o poche singole trade). Parleremo di money management più avanti nel corso in un articolo dedicato.

Ricorda, la singola trade vincente non ti rende un trader di successo. Ripeti.

“Una singola trade vincente non fa di me un trader di successo!”

Il tuo “obiettivo” da raggiungere per considerarti un trader di successo lo puoi avere ben in mente sin da subito:

Per considerarti un trader di successo, nell’ultimo anno devi aver avuto un rendimento di almeno il 10% netto, e senza aver avuto guadagni da singole trade che non rispettavano il tuo money management

A mio avviso quando si inizia un percorso è importante avere in mente l’obiettivo finale. Quindi fissa questo obiettivo ben in mente sin da ora. Ed inizia il tuo percorso di apprendimento con serenità e divertimento!

Sarò lieto di aiutarti e accompagnarti in questa avventura. Credo che per oggi sia tutto. Ti è piaciuto questo articolo? Lo hai trovato utile? Ti ha convinto? Hai capito che cos’è il trading online? 

Se la risposta  a queste domande è si, se non lo hai già fatto potresti per favore mettere un bel like di Facebook a questo articolo? A te non costa niente, mentre per me vale veramente tantissimo! Clicca sul bottone qui sotto.

Grazie infinite!

Inoltre, se hai qualche dubbio o se vuoi dirmi/chiedermi qualcosa puoi commentare l’articolo qui in basso oppure puoi scrivermi in privato a info@iltradingperte.com. Sarò lieto di rispondere alla tue domande!

Ho un’ultima sorpresina per te: qui di seguito trovi un box di super sintesi riguardo i principali punti chiave di questo articolo. Trovi uno schema del genere in tutti gli articoli di questo corso.

Ti abbraccio e alla prossima!

Giovanni alias Fairmaster


Box di sintesi lezione 1 | Il Trading Per Te

Che cos’è il trading online? Le 10 cose che devi assolutamente sapere per diventare un trader di successo

– Il trading è la compravendita sul breve termine di strumenti finanziari via web

– Chiunque può fare trading

– Esistono vari “stili” di trading molto diversi tra loro a seconda di strumenti, asset e orizzonti temporali scelti

– Il Trading Per Te si concentra su CFD e opzioni binarie; su forex, indici globali, materie prime e metalli preziosi; e su trade che durano nel breve termine, ma non nel brevissimo termine

– Il trading non è investimento

– CFD e opzioni binarie sono strumenti ben diversi tra loro

– Sei un trader di successo se guadagni almeno il 10% netto annuo sul tuo capitale

– Serve poco per iniziare a fare trading ma il tuo capitale è a rischio

– Per avere successo devi attraversare 4 fasi per una durata complessiva di circa 1 anno

– Il Trading Per Te ti aiuta a imparare le basi del trading

– E’ la continuità dei risultati a fare di te un trader di successo, non la singola trade vincente

Condividi30
+114
Scarica gratis il PDF "I 5 Falsi Miti Sul Trading"  Scarica